CAPITOLO 3

Cosi recordo che di Pateva ci anno portato a Bassano del Crappa, che cera piu’ assaie di 50 chilomitre, che queste 50 chelomitre li dovemmo fare a piede con uno bello zaino a spalla che pisava 45 chila, che da Padova revammo a Bassano allintomane dopo 40 ore di camminare. Che come revammo ci anno detto: – ragazze, vedete come potete fare per dormire, arranciateve che siammo in una zona di querra e li austriace sono lontano di qui piu’ di 30 chilomitre e quinte posiammo dormire senza nesuna paura. – E perdavero cosi abiammo fatto la prima notata in una zona di querra, chi asetato, chi corcato, sempre allo scoperto. Che magare ci anno avanzato la paga e ora ci davino 10 solde al ciorno, ma io che aveva a pagare tante debite, magare che mi davino 10 solde, sempre anne dovevino passare prima che io fineva di pagare queste debite. Quinte io non mi facevino piu’ impresione queste debite perche’ ora io doveva penzare di restare vivo e di non mi fare ammazare delle austriece. Ma non ci a’ stato niente de penzare perche’ propia uno ciorno prima che dovemmo antare a Valbella, che questo Valbella era a uno chilomitro lontano del paese di Aseaco, ci a’ voluto parlare il Cenerale, a noie tutte 3000 che erimo della chilassa del 1899, che ci a’ detto questo Cenerale: – Ragaze, coragio, che questa notte dovemmo antare a prentere il nostro posto alla prima linia, chiamata Monte Valbella e Monte Fiore, e quinte ora vi voglio fare uno regalo. Che a tutte quelle che ci avete debite vi saranno contenate e poie magare vi faccio restetovire li solde che vi anno livato… – Certo che non era io solo che aveva debite, ma ci nereno tante che erino debetore, quinte per questo recalo che ci a’ fatto questo Cenerale, che comincianto di me mi avevino reterato 15 lire, ci abiammo abatuto tutte li mane. Quinte questo Cinerale prima ci a’ rencraziato che ci abiammo abatuto li mane, poie ci a’ detto: – ragazze, mi arecomanto di servire la padria come servissivo la vostra casa… – Che bella cuopila di mincia che dovemmo servire la padria come la nostra casa! Che critina parola che questo Cenerale ci a’ detto, che a me la padria mi aveva rovenato! Certo per questo Cenerale a dire “doviammo servire la padria” era ciusto, ma per noie questa parola non auto nessuno valore, per noie che erimo soldate che cosa ci ne importava della madre padria, che tutte li nostre madre piancevino per noie e ci nerino tante che alla notte sempre chiamammo la mamma!? Ma che cosa ci posiammo fare che erimo state condannate innocente! Comunque recordo che il fuoriere di compagnia a me mi a’ restitovito li lire 15 che mi erino state livate e io queste lire quintece lo’ mantato alla mia madre che, poveretta, in quelle ebiche miserabile, ci poteva manciare 10 ciorne con tutte li suoie figlie. E questa era per me servire la mia padria, tanto io ora delle solde non ci naveva di bisognio piu’, che nella zona non cerino ostirie, non cerino reventete di cenere alimintare, o dove ventevino liquore, non cerino neanche femmine per poterece passare qualche piacere. Cosi recordo che si a’ messo a piovere, che erimo immienzo a una fitta boscaglia, che ci areparammo lacqua sotta lalbire. Come si a’ finito di piovere il comantante del nostro battaglione, che era di Catania, alla vera catanisa ci a’ detto: – coraggio piciotte camminammo che ora non piove piu’! – Ma non fenio di dire questa parola che invecie di acqua li austriece ci anno trato sicuro 50 corpe di cannonate, che menomale che anno sbagliato il tiro, che li cannonate anno antato a fenire lontano 200 metre di dove erimo che cammminammo noie, che forse chi a’ fatto la spia che stapevino venento forze nuove si a’ sbagliato e non ci a’ detto di preciso il punto dove noie passammo. Recordo che non abiammo muorto nessuno ma pero’ con il solo spavento abbiammo cascato per terra lo stesso, che il Maggiore Tordo il catanese si anno parlato bello forte con il comantante del Reggemento, il colonnello Valintine, e dicevino: – Che soldate sono queste, che sono fatte di ricotta!-… – Queste racazze non sono ancora mature per venire nella trenceia!- Ma il Maggiore Tordo, il catanese, ci a’ detto al colonnello, che avevino stato per 2 anne inziemme nella parte di Curizia: – ti laie dementecato la paura che avemmo noie nelle prime ciorne della querra, che avemmo ancora piu’ paura di queste ciovenotte che anno ancora 17 anne! Quinte lasciammile che si abitoveno a stare inmienzo alli spavente! – Chi a’ inteso questo descorso, che quase tutte erimo colli lacrime alli ochie, diceva: mammamia siammo revate propia dove si muore non per scherzo, ma si muore per davero!